Programma di riciclaggio delle batterie a circuito chiuso di Tesla

By 31 Agosto 2019 Tesla News

(Fonte ufficiale Tesla)

“Mentre lavoriamo per ridurre la dipendenza globale dal trasporto a base di petrolio e ridurre i costi dei veicoli elettrici, ci impegniamo a istituire un sistema di riciclaggio delle batterie a circuito chiuso.

Un ciclo chiuso di utilizzo dei materiali comporta la produzione di celle della batteria, l’assemblaggio in pacchi batteria, quindi i veicoli e, infine, il riciclaggio in materie prime per un uso futuro.

Man mano che un numero maggiore di veicoli elettrici arriverà sulle strade, la domanda di riciclo delle batterie aumenterà. L’industria automobilistica ha affrontato la stessa situazione vent’anni fa, per il riciclaggio di batterie di avviamento a 12 volt al piombo acido utilizzate in veicoli a benzina.

Con regolamenti di supporto e raccolta convenienti, oggi il processo di riciclaggio è redditizio.

Una volta recuperate, le batterie al piombo acido vengono frantumate in pezzi delle dimensioni di una moneta e separate in parti componenti.

Le materie plastiche vengono inviate ai trasformatori per essere trasformate in nuovi prodotti e il piombo purificato viene inviato ai produttori di batterie per essere riutilizzato: un sistema a circuito chiuso.

Il riciclaggio delle batterie al piombo acido è oggi una delle storie di riciclaggio di maggior successo di qualsiasi settore. L’EPA stima che oltre il 90 percento delle batterie al piombo-acido vengano riciclate e una tipica batteria contiene il 60-80 percento di materiali riciclati.

Da anni Tesla perfeziona il proprio programma di riciclaggio.

Prima di inviare i nostri pacchi batteria al riciclaggio, possiamo riutilizzare circa il 10% del pacco batteria (in peso), ad es. l’alloggiamento della batteria e alcuni componenti elettronici.

In Nord America collaboriamo con Kinsbursky Brothers per riciclare circa il 60 percento della batteria.

In Europa, abbiamo recentemente iniziato a lavorare con Umicore e ora che vendiamo automobili in Giappone e nella regione dell’Asia del Pacifico, a breve avremo notizie sul riciclaggio in Asia.

Concentriamoci sul processo di riciclaggio di Tesla con Umicore: è la prima volta che siamo in grado di utilizzare un sistema di riciclaggio a circuito chiuso.

Gli stabilimenti della Umicore sono in grado di riciclare le nostre batterie in materiali completamente riutilizzabili e ridurre sostanzialmente l’impronta di carbonio della produzione di batterie agli ioni di litio.

La tecnologia di riciclaggio delle batterie Umicore è in grado di risparmiare almeno il 70% delle emissioni di CO2 nel recupero e nella raffinazione di questi metalli preziosi.

Lo fa creando “prodotti” e “sottoprodotti”, piuttosto che seguire un processo di separazione meccanica.

Il “prodotto” è costituito da una lega che viene raffinata in cobalto, nichel e altri metalli.

Tradizionalmente, il cobalto viene utilizzato come polvere metallica per indurire gli strumenti o pigmento per ceramica. Umicore ha sviluppato un processo in base al quale il cobalto (il materiale di maggior valore nelle nostre batterie) viene utilizzato per creare LCO (ossido di litio e cobalto) che può essere rivenduto ai produttori di batterie.

Questo non è solo un processo interessante per Tesla dal punto di vista ambientale, ma fornisce anche un elevato margine di guadagno.

Umicore è uno dei maggiori fornitori di LCO ai produttori di batterie.

Il “sottoprodotto” ricavato insieme alla frazione di lega è una scoria rispettosa dell’ambiente in cui finisce il litio contenuto nelle batterie dei veicoli elettrici.

Questo “sottoprodotto” contenente litio è valorizzato in diverse applicazioni, di cui una è materiale da costruzione.

Quasi il 5 percento delle emissioni globali di CO2 provocate dall’uomo in tutto il mondo sono prodotte dalla produzione di cemento.

Sostituire le materie prime con materie prime secondarie ed evitare il trattamento termico, riduce significativamente le emissioni di CO2 e il consumo di risorse non rinnovabili.

Con il “sottoprodotto”, l’industria delle costruzioni è in grado di utilizzare questa materia secondaria come alternativa più rispettosa dell’ambiente.

Le uniche altre emissioni del processo di riciclaggio sono CO2, vapore acqueo e polvere.

La polvere costituisce circa l’1 percento della produzione totale e va in discarica protetta.

Nel tentativo di riutilizzare ogni possibile parte del processo, la struttura Umicore vende persino l’elettricità creata da un impianto di produzione di gas naturale in loco alla miniera di rame vicina, che utilizza il calore nelle sue fonderie.

Lavorare con Umicore ci ha permesso di riciclare completamente i pacchi batterie Roadster in modo redditizio, senza speciali incentivi finanziari necessari per promuovere il riciclaggio (al contrario dei prodotti chimici al litio manganese o fosfato di litio utilizzati nei veicoli elettrici che colpiscono la strada ora).

Presto speriamo di avere la possibilità di riciclare le nostre batterie nelle loro materie prime.

In particolare, i metalli possono essere riutilizzati nelle celle della batteria e qualsiasi materiale plastico può essere recuperato e utilizzato per modellare nuove parti in plastica per i nostri veicoli.

La tecnologia per abilitare questo è disponibile oggi – ed è redditizia!

Riutilizziamo già il cobalto nelle batterie.

Il sistema globale di riciclaggio a circuito chiuso diventa possibile, e molto più efficiente, una volta che le quantità aumentano a un livello tale da giustificare l’investimento per il riciclaggio degli altri componenti, in particolare la plastica.

Siamo molto orgogliosi della capacità di riciclare le nostre batterie e con Umicore siamo un grande passo avanti verso un circuito chiuso di utilizzo del materiale con i nostri veicoli.”